image-245

con

image-951
image-617
image-647

La protesi di ginocchio. Quale, quando, perchè...

2020-10-25 14:49

D. Tradati

News, Pubblicazioni, Tradati, protesi, ginocchio, protesi ginocchio, protesi totale di ginocchio, protesi parziale , protesi monocompartimentale, miglior protesi di ginocchio, miglior protesi monocompartimentale,

La protesi di ginocchio. Quale, quando, perchè...

La protesi parziale o totale? Quando e perchè...

 

 

 

Ginocchio, quale protesi e quando?

 

 

Quando parliamo di protesi di ginocchio apriamo un ampio capitolo della chirurgia ortopedica....

 

 

La protesica è cresciuta enormemente negli ultimi anni e i moderni design protesici hanno apportato significativi miglioramenti nei risultati clinici ottenibili post-intervento.

 

L'indicazione a questo intervento viene data quando le procedure biologiche non posso più contrastare l'avanzamento del processo artrosico e quando il dolore è tale da limitare in modo rilevante le abitudini di vita del paziente.

 

Possiamo dividere le protesi in due grandi famiglie:

- le protesi monocompartimentali (o parziali)

- le protesi totali

ll-1603632016.jpg

Le protesi monocompartimentali rivestono solamente un porzione limitata della superficie del ginocchio, trattando in modo mirato il compartimento malato.

unnamed3-1603631923.jpg
ptg-1603632790.jpg

Le protesi totali prevedono invece il rivestimento di tutta la superficie articolare del ginocchio: femore, tibia e rotula.

La scelta tra questi due impianti viene fatta in base a diversi fattori, tra cui: età del paziente, grado di degenerazione degli altri compartimenti, allineamento dell'arto inferiore, richieste funzionali e patologia sottostante il danno artrosico.

 

Semplificando estramemente possiamo trovare le seguenti indicazioni :

 

Protesi monocompartimentale:

- paziente under 60

- artrosi avanzata limitata ad un singolo compartimento

- richieste funzionali elevate

- osteonecrosi 

- integrità legamentosa (LCA, LCP)

 

Protesi totale: 

- paziente  over 60

- artrosi avanzata estesa a due o più compartimenti

- richieste funzionali contenute

- necessità di un intervento singolo

- deformità assiali rilevanti

 

Sebbene possa apparire semplice far ricadere un paziente in una di queste categorie, esiste un ampia "scala di grigi", tale per cui l'indicazione al tipo di protesi deve essere valutata dopo discussione con il paziente dei pro e contro di entrambe le procedure.

 

unnamed2-1603631810.jpg

La protesi rappresenta un'indicazione importante, non valutate voi stessi quali sia la protesi di cui avete bisogno, ma affidatevi a chirurghi preparati e reponsabili, che sappiano farvi capire quali sia la scelta più appropriata alle vostre esigenze.

Dott. Daniele Tradati  -  Partita IVA: 10451160963
Termini e condizioni - Cookie Policy - Privacy Policy

 

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder